Vita periodico
1948
Titolo
Sior Todaro brontolon
Sottotitolo
Settimanale satirico della regione veneta
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tip. Del “Gazzettino”
Numero pagine
4
Formato
42,5x29,5
Prezzo
£. 5
Periodicita`
Settimanale
Organi direttivi
Direttore responsabile: Remo Romani
Firme e collaboratori
Sior Todaro Brontolon, Toni crosta, Maestro Buganza, El moscon
Profilo storico editoriale
Il periodico esce durante l’infuocata campagna elettorale per le elezioni politiche dell’aprile 1948. L’impostazione editoriale, pur con toni sarcastici e umoristici, si caratterizza nettamente per il suo contenuto politico, l’editoriale di apertura 4 ciacole, a firma Sior Todaro Brontolon, è sotto questo punto di vista piuttosto esplicito: “Eccome de novo nela mia Venessia: go lassà mia fia e i mii nevodi a Mira Tagio e so partio con un poco de strucacuor ... Ma el dover xe dover: e anca mi vogio dar el mio voto. Intanto che el trenin coreva, go provà a pensar su i programi che tutti ‘sti partiti sbandiera ai quato venti. (...) Par questo, ne me spetavo che el partito che dixe de esser el solo che difende i lavoratori, sercasse de farse valere tolendo dei provedimenti veramente seri per nialtri poveri proletari. Prima i ga scominsià a sogar ale sconte da drio ala testa de S. Giuseppe (che po no gera altro che Garibaldi, bonanima); dopo i se gà sgolà contro la Ciesa. E se non bastasse, i se ga messo sigar contro la nostra stessa Italia parché no la sa desmentegà de Trieste; dopo ancora i gà scominsià a dir che lori soli xe i veri italiani, e intanto i spetava ordini da qualche altra nassion (come Arlechin batocio che no move la testa se no i ghe tira el fio). Quando po i gà visto che i operai americani no ghe mandaria papatoria se dovesse vinser la testa di Garibaldi, i gà scominsià a spolmonarse par convinserne che el gran e el carbon american xe la nostra rovina. (...) Mi so vignio a Venessia proprio par questo e non votarò per quei quatro menarosti che vol venderne a qualche altro stato. De ditature e de autarchie ghe n’avemo piene le tavernele”. Anche nel resto del fascicolo, probabilmente l’unico ad essere stato pubblicato, frequenti sono i riferimenti (anche attraverso vignette, caricature, freddure) dichiaratamente ostili al fronte popolare socialcomunista.
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Marciana
Collocazione
Per G. 190.1
Consistenza
I, n. 1 (13 aprile 1948)
Conservazione
Buona-mediocre
Compilatore
Marco Borghi