Vita periodico
1954-1956
Titolo
La Sirena
Sottotitolo
Dei lavoratori della “Sirma” [da II, n. 18 (10 maggio 1955)] Dei lavoratori dell’Arsenale [da III, n. 22 (25 maggio 1956)] Periodico dei lavoratori dell’Arsenale
Luogo di pubblicazione
Venezia-Mestre [da II, n. 18 (10 maggio 1955)] Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tip. Sociale, Mestre [da II, n. 18 (10 maggio 1955)] Tip. Veneta
Sede
Comitato di Redazione: Castello 3772
Numero pagine
Varie (da 1 a 4)
Formato
32,5x22,5 [] 41,5x31,5 [da II, n. 18 (10 maggio 1955)] 44x32
Prezzo
£. 10
Periodicita`
Quadrimestrale
Cronache locali
Si
Pubblicità
Si
Organi direttivi
Direttore responsabile: Primo Biasin
Firme e collaboratori
Aldo Bonaconsa, Arnoldo Polacco
Profilo storico editoriale
Il periodico, aderente alla Cgil, inizia la sua vita editoriale come giornale di fabbrica (mutando il sottotitolo a seconda dello stabilimento a cui è dedicato l’attenzione del fascicolo). Ogni numero si contraddistingue per gli articoli ispirati alla tutela e alla salvaguardia del lavoro, alle rivendicazioni dei diritti contrattuali e costituzionali dei lavoratori, sono pubblicati appelli per lo sciopero e notizie di vita aziendale. Da quando diventa organo dei lavoratori dell’Arsenale sono divulgate anche notizie e informazioni di carattere nazionale, normativa, provvedimenti. Sul n. 7 (18 settembre 1954) si presenta il giornale: “da molto tempo si era precisata l’esigenza di un giornale di fabbrica, aperto a tutti, sostenuto da tutti, libero e coerente nella trattazione dei problemi dell’Arsenale e degli Arsenalotti, deciso sostenitore dei diritti dei lavoratori di questo grande e glorioso Stabilimento li cui sorti sono poste oggi in discussione. Questo giornale vuole dunque essere innanzi tutto l’alfiere in città e fra i veneziani di un movimento capace di legare tutte le categorie, enti, associazioni, autorità, attorno alla parola d’ordine: salviamo l’Arsenale e con esso i bisogni elementari e fondamentali di tanta parte della popolazione e dell’economia cittadina”. Da questo momento il giornale diviene l’organo dei lavoratori dell’Arsenale aggiornando i lettori, con cronache e resoconti, sullo stato delle rivendicazioni e delle agitazioni, anche se continua a mantenere il sottotitolo “dei lavoratori di Porto Marghera”. Adotta un linea editoriale molto dura nei confronti del governo (contro “le provocazioni maccartiste-americane del Governo Scelba-Saragat”) lanciando la mobilitazione e forme di lotta per lo sfratto della Camera del Lavoro da Ca’ Matteotti, e di altre organizzazioni politiche, sindacali e sociali della sinistra. Sulle pagine del giornale viene aperta una sottoscrizione, promossa dal Comitato provinciale per la nuova Casa del Popolo, che riesce a raccogliere quasi 30 milioni sufficienti per entrare in possesso della nuova sede a palazzo Querini (Campiello del Remer).
Supplementi
Il n. 6 [senza indicazione di data] è un’edizione straordinaria in difesa del Convitto per orfani partigiani “Biancotto”; supplemento al n. 8 (4 ottobre 1954), per la difesa dei lavoratori dell’Arsenale.
Annotazioni
Esistono due fascicoli con la stessa numerazione (n. 3) ma con diverse date e sottotitoli (“dei lavoratori della Montecatini”, “dei lavoratori della Sirma”, “dei lavoratori di Porto Marghera”); la numerazione dei fascicoli è progressiva. Il periodico è anche segnalato nella “Guida commerciale della città di Venezia e provincia”, 1953/1954, p. 74, nella “Guida commerciale della città di Venezia e provincia”, 1955, p. 76, e Ivi, 1956/1957, p. 75.
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Marciana; Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della Società contemporanea
Collocazione
Bnm: PER.DDS. 174.12
Iveser: Filcea, b. 29, fasc. 5; b. 36, fasc. 4
Consistenza
Bnm: I, n. 3 (10 febbraio 1954); I, n. 3 (15 febbraio 1954); I, n. 6 [senza indicazione di data] - I, n. 12 (13 novembre 1954); II, n. 15 (8 gennaio 1955); II, n. 18 (10 maggio 1955) - II, n. 19 (10 giugno 1955) - III, n. 22 (25 maggio 1956)
Iveser: I, n. 3 (10 febbraio 1954), n. 5; I, n. 6 [in Archivio Biancotto]; II, n. 20 (15 luglio 1955) [in Periodici estinti]
Conservazione
Buona
Compilatore
Marco Borghi

per ingrandire l'immagine clicca qui