Vita periodico
1955-1964
Titolo
La Cisterna
Sottotitolo
Il giornale di Marghera [da IX, n. 1-9 (settembre 1964)] Il giornale di Marghera. Critico umoristico dialettale
Luogo di pubblicazione
Venezia-Marghera
Tipografia - Casa editrice
Linotipia Mestrina, Mestre [da IX, n. 1-9 (settembre 1964)] Tipografia Artigiana di Aldo Biasiol (Linotipia Mestrina)
Sede
Redazione: via Canetti 24, Marghera
Numero pagine
8 [da IX, n. 1-9 (settembre 1964)] 2
Formato
22x14 [da IX, n. 1-9 (settembre 1964)] 34x23
Prezzo
s.i.p.
Periodicita`
Indefinita
Cronache locali
Si
Pubblicità
Si
Organi direttivi
Direttore responsabile: Aldo Biasiol
Firme e collaboratori
el Venezian
Profilo storico editoriale
Il periodico - pur non avendo grandi ambizioni e con un formato, veste grafica e  aspetto piuttosto artigianale - si propone di essere una voce di Marghera cercando di tutelare gli interessi del polo industriale veneziano e della popolazione residente; in più di un’occasione viene sottolineata la continuità culturale e sociale con la città storica, informando e sensibilizzando i lettori su questioni locali (come la costruzione di un cimitero), attualità (come l’apertura di un poliambulatorio medico), suggerimenti per il decoro della città, comunicazioni sugli spettacoli (cinema) e sulle associazioni margherine. In apertura del numero di settembre 1964 l’editoriale firmato da El Venezian riassume bene lo scopo della pubblicazione ricordando ai lettori che “i nostri articoli i sarà scriti tuti in dialetto. Come tuti lo savemo, semo boni si de lezer la nostra lingua Italiana, ma per pronunciarla (senza offender nessun, per carità) semo tuti difetosi, noialtri Veneziani. Apunto par questo, La Cisterna, quando nove ani fa, xe venuda fora el primo numero, el gera tuto scrito in «venezian», e par questo, se sentimo el dover, che La Cisterna la deve esser stampada in «venezian». El nostro saludo, lo demo sincero a tuti i nostri letori, che i possa capir el sforzo che se fa, par venir fora, e anca a dirla quà sinceramente, che xe el bisogno de far sentir la nostra voxe, par farghe capir ale nostre autorità, cossa che Marghera, che manca, cossa che xe da far se ben un doman i fa, ghe daremo i nostri elogi, se ale volte la svista xe poca, farghe capir, che ghe xe de bisogno de far questo, e dopo quelo. ‘Na raccomandassion a queli che ghe interessa un domani, i pol scrivere alla «Cisterna» i so reclami, far sentire la so voxe de protesta, perché quà a Marghera ghe xe tante robe e robete che i citadini podaria promover, basta che ghe sia la bona volontà de collaborar da veri citadini. Se sa, serta gente xe invidiosa, permalosa, e anca gelosa de soravia, ghe xe, come xe da tute le parti, che i canta a far la ..... e anca i rufian, pur de salvarse el so sporco muso, i ghe buta adosso agli altri”, El Venezian, Un saludo sincero ai nostri letori, IX, n. 1-9 (settembre 1964). In ultima pagina un ricordo di Palmiro Togliatti, tracciato da Aldo Biasol, con l’auspicio di “promuover più presto xe possibile, co una petission verso le autorità competenti, da far si, che la megio via, o piazzal, o piazza che ghe xe a Marghera, vegna nominada a la so memoria”, suggerisce un chiaro orientamento politico.
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Marciana; Biblioteca Nazionale Centrale Firenze
Collocazione
Bnm: Giorn. 230.08
BncFi: Gi.2.8429
Consistenza
Bnm: I (1955) - VI (1960); VIII, (25 dicembre 1962); IX, n. 1-9 (settembre 1964)
BncFi: I, n. 1 (15 dicembre 1955) - 1960; 1962; lacunosi 1960 e 1962
Conservazione
Buona
Compilatore
Marco Borghi