Vita periodico
1882-1901
Titolo
Corriere Veneto Teatrale [da I, n. 3 (6 novembre 1882)] Corriere teatrale veneto [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] La Nuova Scena di Venezia
Sottotitolo
Giornale artistico letterario con ritratti, con annessa Agenzia teatrale [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Non compare più
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tip. Longo condotta da A. Francesconi [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Tipografia di C. Ferrari [da IV, n. 1 (10 gennaio 1887)] Tipo-litografia Ferrari, Kirchmaÿr & Scozzi [da XI, n. 361 (27 gennaio 1894)] Tipografia Visentini
Sede
Direzione e amministrazione: calle dei Preti, S. Marco, 1005 [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Redazione: Traghetto San Maurizio n. 2725
Numero pagine
Varie (da 4 a 8)
Formato
37,5x28
Prezzo
£. 4 [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Cent. 40
Periodicita`
Bimensile [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Quindicinale (irregolare)
Cronache locali
Si
Organi direttivi
Direttore proprietario: Luigi Bagattin; amministratore: Antonio Muscolo [da III, n. 1 (14 giugno 1886)] Direttore responsabile: Luigi Bagattin
Firme e collaboratori
Luigi Bagattin
Profilo storico editoriale
Il periodico nasce come organo della nuova Agenzia teatrale a Venezia, pubblicando cronache e informazioni su spettacoli, teatri, arte drammatica a livello locale e, grazie ai corrispondenti, anche sul piano nazionale. Il quotidiano “Il Tempo” il 24 novembre 1882 così commenta l’uscita del giornale: “contiene una diffusa cronaca veneziana dei teatri di musica e di prosa, oltre ad una specie di rivista dei nostri filodrammatici d’ambo i sessi, e molte corrispondenze e notizie”, tuttavia vengono espresse alcune critiche perché poco accurato e elegante nella forma e nella sostanza. Nel mutare titolo in “La Nuova scena” nel programma intitolato Le nostre idee si legge: “Fin qui parte del giornalismo teatrale o fu un esercizio di adulazione, o una raccolta di lodi e di biasimi senza criterio esatto; bisogna dunque sollevarlo in atmosfera più sicura; avere sì mira a l’arte e non altro che l’arte, questa immortale, su cui non potranno mai le basse passioni, le gare personali, le meschine mire secondarie, che riescono soltanto ad offenderla”. Con annessa agenzia mimico-danzante.
Annotazioni
La pubblicazione subisce alcune sospensioni. La numerazione del 1889 (anno VI) è spesso corretta a mano. Gli anni XI-XIII (1894-1896) recano inspiegabilmente una numerazione diversa a partire dal n. 361 (27 gennaio 1894).
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Centrale Firenze; Raccolte Civiche - Milano; Biblioteca Nazionale Centrale - Roma
Collocazione
BncFi: GF.B.17.6 e Ge.II.523
RcMi: GNEC.B.2907
BncRm: 5.G. 74 
Consistenza
BncFi: I, n. 1 (6 ottobre 1882) - II, n. 14 (22 settembre 1883); II, n. 16 (26 novembre 1883); III, n. 1 (14 giugno 1886) - IX, n. 13-14 (22 aprile 1892); IX, n. 16-17 (14 maggio 1892) - X, n. 2 (25 gennaio 1893); X, n. 6-7 (3 marzo 1893) - X, n. 16-17 (1 luglio 1893); X, n. 23-24 (25 agosto 1893) - X, n. 27-28 (16 settembre 1893); X, n. 30 (7 novembre 1893) - X, n. 32 (16 dicembre 1893); XI, n. 361 (27 gennaio 1894) - XIII, n. 398 (12 dicembre 1896); XIV, n. 1 (2 gennaio 1897) - XIX, n. 7 (7 marzo 1901)
RcMi: I, n. 2 (20 ottobre 1882)
BncRm: III, n. 1 (14 giugno 1886) - VII (1890)
Conservazione
Buona ("Nuova scena" mediocre)
Studi e bibliografia
N. Bernardini, Guida della stampa periodica italiana, Lecce, R. Tipografia Salentina, 1890, p. 713.
Compilatore
Margherita Angelini - Luca Polese Remaggi