Vita periodico
1885
Titolo
Il varo della Corazzata “Francesco Morosini”
Sottotitolo
Pubblicazione illustrata
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Stabilimento Tipografico di A. Francesconi
Numero pagine
8
Formato
38x28,5
Prezzo
s.i.p.
Periodicita`
Numero unico
Pubblicità
Si
Profilo storico editoriale
“Allorquando all’aprirsi della seconda di questo secolo e quando l’unità d’Italia affermavasi, come principio, nella guerra di Crimea, si è incominciato a costruire qualche nave da guerra in ferro, fu un grido generale di meraviglia. Si riteneva che il rigido metallo non potesse corrispondere alle esigenze della navigabilità; si credeva magari che le costruzioni in ferro non potessero mai reggere all’ira del mare per mancanza di quella elasticità che è propria dei navigli costruiti in legno; si credeva finalmente che la giacenza protratta delle navi sul mare avrebbe facilmente logorato le carene e resi inservibili in breve tempo i navigli. Le esperienze fatte su larga scala hanno provato quanto male si apponessero nelle loro previsioni codesti profeti di malanni; e l’America e l’Inghilterra prima, la Francia, la Germania, e l’Italia poi, colle di navi da guerra costrutte in ferro seppero di quanta forza potessero essere accresciute le loro armate. (...) E quando giunse dalla capitale l’annunzio essere stata ordinata la posizione in cantiere dell’arsenale di Venezia, di un’altra nave del tipo Duilio; quando si seppe che a questa nave si voleva dare il nome di uno fra i nostri più valenti capitani, di Francesco Morosini il Peloponesiaco, la città tutta fu in gioia. (...) Il ministro della marina di allora l’ammiraglio Acton Ferdinando, aveva riconosciuto finalmente che l’arsenale di Venezia era capace di costruire qualcosa di più che una gondola (...). Possa il grande naviglio che oggi dal nostro Arsenale scende sul mare, conservare intemerato e glorioso il nome di Francesco Morosini e dare a Venezia, unita alla gran patria italiana, l’orgoglio di vederlo trionfare nei giorni del cimento”, La “Corazzata Morosini”.
Segue un profilo biografico di Francesco Morosini e di Giuseppe Michieli, artefice e promotore della costruzione della nave nell’arsenale veneziano; vi sono anche delle note storiche sull’Arsenale e gli arsenalotti, notizie sulla cerimonia del varo avvenuto il 30 luglio 1885.
Annotazioni
Due pagine sono occupate da illustrazioni eseguite dalla Litografia Veneziana; altre due sono interamente occupate da inserzioni pubblicitarie. Il numero unico conservato all’Iveser è una copia fotostatica.
Reperibilita`
Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della Società contemporanea
Consistenza
30 luglio 1885
Compilatore
Marco Borghi