Vita periodico
1967
Titolo
El Codega
Sottotitolo
Giornale de li giovani veneziani
Motto
Incipit vita nova almanco una volta al mese
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tipografia Nuova Editoriale
Sede
Sede centrale: S. Marco; sede amministrativa: Castello 6039
Numero pagine
16 e 28
Formato
33,5x24,5
Prezzo
s.i.p.
Periodicita`
Bimestrale
Cronache locali
Si
Pubblicità
Si
Organi direttivi
Direttore: Giovanni Tagliapietra; direttore responsabile: Carlo Ballarin
Organi redazionali
Redattore capo: Maurizio Vio; segretaria di redazione: Sandra Paitowsky
Firme e collaboratori
Giovanni Tagliapietra, Gian Battista Taboga, Paolo Tonin, Maria Pancino, Jacopo Barovier, Gianni Lapo, Giulio Lucchetta, Luigi Corda, Massimo Gemini, Pierpaolo Tentori, Dino Tonon, Elena Mancini, Lorenzo Cerutti, Maurizio Vio, Michele Dalla Costa
Profilo storico editoriale
“Questo giornale accolto senza dubbio da voi più con curiosità che con interesse, a prescindere dal titolo che potrebbe far supporre qualcosa riguardante unicamente Venezia e i suoi problemi, vuol essere un giornale d’assalto e vuol dimostrare a noi giovani, tutti nessuno escluso, che siamo qualcosa veramente di vivo nell’ambito della nostra società, e non una massa di burattini sapientemente inquadrata e diretta da pochi ipocriti adulti, che fingendo di essere al nostro servizio, in effetti speculano su di noi. Noi del «Codega» vogliamo dimostrare a noi stessi e a voi che sappiamo dire qualcosa di nostro e di sincero, qualcosa non suggerito dai settimanali specializzati per giovani dai ridondanti quanto insignificanti titoli. (...) Questo giornale vuol essere appunto un banco di prova, prima di tutto e soprattutto per voi e per noi. Questo è il nostro unico fine: esporre le nostre idee: che non dovrebbero contrastare eccessivamente con le vostre, e dare la possibilità a voi, che siete giovani ed entusiasti come noi, di esporre le vostre, sostenerle, ed eventualmente confutare le nostre anche con violenza se occorre”, La Redazione, Presentazione, numero unico (1 aprile 1967). 
Il periodico si propone di indagare, attraverso articoli ed inchieste, il mondo e la condizione giovanile; siamo negli anni immediatamente precedenti alla contestazione e il giornale avverte questa esigenza di partecipazione studentesca. Sono pubblicati articoli di politica nazionale e internazionale, critica televisiva, cinema, ma anche poesie e brevi racconti; non manca un notiziario dalle scuole veneziane, i resoconti dei campionati studenteschi, cronaca cittadina giovanile (bandi musicali). Sul numero unico (maggio-giugno 1967) sono pubblicate le interpretazioni espresse da tre studenti (rispettivamente di area marxista, cattolica e liberale) sull’enciclica Populorum Progressio. Nel n. 1 (luglio-agosto 1967), il primo ad uscire con l’autorizzazione del tribunale di Venezia, è pubblicata la dedica Al periodico dei liceali veneziani, firmata da Ugo Facco De Lagarda.
Annotazioni
Le pagine non sono numerate. Nel 1967 si fonderà con il periodico studentesco veneziano “El Todaro” [vedi scheda] per dare vita a “Il Camolpo” [vedi scheda].
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Marciana; Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della Società contemporanea
Collocazione
Bnm: PER.DDS. 0119. 10
Iveser: archivio Zanon Dal Bo
Consistenza
Bnm: numero unico (1 aprile 1967) - I, n. 1 (luglio-agosto 1967) 
Iveser: numero unico (1 aprile 1967)
Conservazione
Buona
Compilatore
Marco Borghi