Vita periodico
1914-1915
Titolo
Contro la guerra
Sottotitolo
Giornale neutralista eclettico settimanale [da I, n. 2 (1 gennaio 1915)] Giornale neutralista eclettico
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tipolitografia operaia Boccanegra Moretti e C
Numero pagine
4 [da I, n. 4 (24 febbraio 1915)] 2
Formato
44x32
Prezzo
Cent. 5
Periodicita`
Settimanale (irregolare)
Organi direttivi
Gerente responsabile: Giuseppe De Zorzi
Firme e collaboratori
Noi, xxx, Gildo Rainer, f.e.r., L’eclettico
Profilo storico editoriale
“Chi son essi? Lo potete controllare. Essi sono un numero esiguo e nella maggioranza composto di individui non atti al servizio militare, sono dei riformati, dei deficienti fisicamente ed intellettualmente, oppure dei vecchi impotenti, esauriti e imbecilliti, sono degli idioti e o degli uomini scimmie che non hanno mai riflettuto col proprio intelletto, sono degli affaristi malvagi e loschi che confidano di realizzare ingenti guadagni nelle liquidazioni provate dal disagio causato dalla guerra... (...) Chi siamo noi? Che vogliamo? Ve lo diciamo in poche righe e tenetevele ben conficcate, o avversari, nella vostra dura cervice. Noi siamo i più. Noi siamo gli uomini virili che abbiamo dato più volte il tributo alla nostra patria, noi siamo quelli che saremo chiamati in prima fila al bisogno e che saremmo le prime vittime, noi siamo quelli che prima della patria, sentiamo di dover amare la nostra famiglia, perché la Patria è costituita dall’unione delle Famiglie, noi siamo dei lavoratori dalle mani incallite, dalla faccia abbronzata dal sole, dei professionisti, dei negozianti, dei commessi (...). Finché i nostri veri interessi, cioè gl’interessi della maggioranza, le case nostre non siano minacciate, noi non amiamo partire per la guerra contro nessuno perché noi non nutriamo odio contro nessuno, perché noi non conosciamo di avere nemici aldilà delle frontiere. Noi sosteneremo la neutralità fino a che ci basteranno le forze, noi ci agiteremo nell’ambito dalla legge consentito. Viva la neutralità alta, serena, sincera e ferma dell’Italia, viva il Ministero Salandra finché gli resterà il maschio coraggio di resistere e di persistere in essa!”, Chi son essi, chi siamo noi, I, n. 1 (14 dicembre 1914).
Nel numero successivo (1 gennaio 1915) l’editoriale Il Nostro Eclettismo spiega le ragioni dell’eclettismo: “noi concepiamo il nostro compito, opera di concentrazione, di collaborazione delle energie feconde, sane, di tutti i partiti, intesa a conservare, in questo senso solo siamo conservatori, l’integrità del territorio, compromessa da un gruppo di fanatici, di egoisti, di avventurieri, di parassiti sociali”. Gli articoli pubblicati riguardano soprattutto le ragioni politiche e sociali della neutralità, e la contestazione nei confronti degli interventisti, che vengono considerati con tutte le qualificazioni negative sopra indicate, e in modo particolare “figli di papà”.
Annotazioni
Il periodico è stato consultato in una copia microfilmata.
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Centrale Firenze
Collocazione
Alf 2290/2
Consistenza
I, n. 1 (14 dicembre 1914) - I, n. 4 (24 febbraio 1915)
Conservazione
Buona
Studi e bibliografia
Ente per la storia del socialismo e del movimento operaio italiano, Bibliografia del socialismo e del movimento operaio italiano, vol. I Periodici, t. I Periodici tratti dalle raccolte della Biblioteca Nazionale di Firenze, Roma-Torino, Edizioni E.S.M.O.I., 1956, p. 210.
Compilatore
Giulia Albanese