Vita periodico
1875
Titolo
La Forfe
Sottotitolo
Zornal Critico-Politico-Aministrativo-Artistico
Luogo di pubblicazione
Venezia
Tipografia - Casa editrice
Tip. M. Fontana
Sede
Redazione: calle del Ridotto, corte Pinzocare n. 1373
Numero pagine
4
Formato
35x26
Prezzo
Cent. 5 (fuori Venezia cent. 6), a.a. £. 6 (fuori Venezia £. 7,50), a.s. £. 3 (fuori Venezia £. 3,80), a.t. £. 1.50 (fuori Venezia £. 1,90)
Periodicita`
Trisettimanale
Pubblicità
Si
Organi direttivi
Redattore responsabile: Osvaldo Boenco
Profilo storico editoriale
La prima pagina si apre con un Programma in cui la redazione informa: “Xe stà sempre l’uso che tanto chi voria rapresentar el popolo come chi vol dar fora un zornal i publica el so programa co le solite frasi de educar el popolo, rapresentar l’opinion publica, ocuparse de i vitali interesi del paese, che i sarà sempre indipendenti, e co tante altre frasi ampolose che po dopo senza volerlo per una serie de combinazion no i pol mantegnir. Mi per seguitar la corente so obligà a dirve el mio programa e che sensa tanti preamboli ve lo spifero. (...) El sarà un zornal indipendente, ma scrito sempre co quela moderazion che se deve, tagiando però a drita e a roversa, su tuto quel de mal che vien fato, sa da chi ne aministra, sia da le autorità, aciò nel caso sia rimedià. Nè ometeremo de dir anche ben quando ghe sarà da dirlo. (...) Cussì invece mi ve digo che mi no farò che esternar la mia opinion su tute quele question sociali che se agitarà nel zornal senza pretender che i altri la gabia da dividar co mi, e savendo po quanto bon senso ghe xe a Venezia, se la sarà l’opinion publica se lo vedarà subito da le gran ricerche de saver co el sorte, e dal numero de le copie che se stamparà. Ghe sarà ogni zorno in Redazion un omo, (no un putelo) per asumer reclami, ricever articoli, e che dopo che gavarò verificà che xe vero quel che i dixe, o che xe giusto quel che i domanda, mi ghe prometo che no mancarò de darghe la relativa forfada, ma devo farghe un’avertenza a tuti, che mi stamparò nel zornal i fati, senza nominar mai le persone, perchè personalità non ghe ne vogio, e vogio viver in paxe, e ghe assicuro a tuti quei che me mandarà articoli che assumo mi la responsabilità, perchè come che go dito, prima de stamparli verificherò se xe vero. (...) Ai mii concitadini po ghe digo che el motivo che el zornal xe scrito in dialeto xe perchè molte de le question de principi e de doveri che vegnarà tratade nel zornal interessa che le sia conossude dal popolo, che se scrite in bona lingua italiana no le saria forse ben capie”.
Come è chiaro da questa introduzione, il giornale è redatto interamente in dialetto e gli articoli non sono firmati. Nei numeri successivi il periodico si interessa anche alle riforme, alla questione sociale, a vicende di politica nazionale, caratterizzandosi come un giornale democratico con indirizzo prevalentemente sociale e sostenendo le rivendicazioni dei lavoratori. Sul n. 7 viene pubblicata (“tradotta” in veneziano) la lettera di Garibaldi a Menotti con cui rinuncia al vitalizio offertogli dallo stato italiano. Il periodico esprime una posizione molto critica nei confronti dello stato d’assedio e delle leggi di pubblica sicurezza, al punto che il n. 10 viene sequestrato, su questa vicenda si veda l’editoriale Na sequestrà, I, n. 11 (31 gennaio 1875).
Reperibilita`
Biblioteca Nazionale Centrale Firenze; Raccolte Civiche - Milano
Collocazione
BncFi: Gi.II.1251
RcMi: GNEC.B.2752
Consistenza
BncFi: I, n. 1 (3 gennaio 1875) - I, n. 9 (24 gennaio 1875); I, n. 11 (31 gennaio 1875)
RcMi: I, n. 2 (5 o 6 gennaio 1875)
Conservazione
Buona
Studi e bibliografia
Ente per la storia del socialismo e del movimento operaio italiano, Bibliografia del socialismo e del movimento operaio italiano, vol. I Periodici, t. I Periodici tratti dalle raccolte della Biblioteca Nazionale di Firenze, Roma-Torino, Edizioni E.S.M.O.I., 1956, p. 339.
Compilatore
Giulia Albanese